I'm just a girl trying to find a place in this world

I'm just a girl trying to find a place in this world

castello-di-grazzano-visconti

Castello di Grazzano Visconti: la visita e il parco

La visita al Castello di Grazzano Visconti è imperdibile dopo una passeggiata nel borgo (se non l’hai ancora letto ti rimando al mio articolo su Cosa vedere a Grazzano Visconti) e, come ogni dimora medievale che si rispetti, racchiude anche la storia di un fantasma.

La storia

Il Castello di Grazzano Visconti venne costruito da Gian Galeazzo Visconti per la figlia Beatrice che doveva sposare un nobile di Piacenza, per essere poi ereditato da Giuseppe Visconti alla fine del 1800.

Inizialmente, il castello aveva alcune aree in rovina, ma Giuseppe ne rimase estasiato e ne fece il fulcro del suo progetto di costruzione del borgo. Con l’aiuto dell’architetto Alfredo Campanini, il Duca lo restaurò disegnando le merlature e cambiando anche la distribuzione delle stanze e gli arredi.

Oggi il castello ha una base quadrata, due torri a pianta circolare e due a base quadrata. Inoltre è circondato da un fossato.

castello di grazzano visconti

La visita

Entrare nel Castello di Grazzano Visconti è un’esperienza unica per immergersi completamente nella storia del borgo e dei discendenti della famiglia che ancora vi risiedono.

Per accedere al Castello si attraversa il ponte levatoio sopra il fossato e il cortile interno. La visita si fa accompagnati da una guida molto preparata e, tra le stanze che si possono vedere, ci sono la Biblioteca, la Camera Rossa e la Camera di Aloisa.

I PREZZI DEI BIGLIETTI SONO:
  • Intero (maggiori di 16 anni) 16,00€;
  • Bambini 8€
  • Gruppi fino a 20 persone 13€;

Per maggiori informazioni ti lascio il link ufficiale del borgo di Grazzano.

castello di grazzano visconti          la visita

Il Parco

Il parco del Castello, sempre ideato da Giuseppe Visconti, è un luogo di svago che rispecchia le caratteristiche del giardino all’italiana con lunghi viali, sempreverdi, fontane, piante rampicanti e statue. Inoltre le piante vennero scelte personalmente dal Duca Giuseppe in modo che il giardino fosse bello tutto l’anno.

Giuseppe Visconti pensò il parco come un luogo di svago per le persone che vivevano nel castello, un luogo dove non ci si poteva annoiare. Infatti chi ci viveva poteva giocare, passeggiare o riposarsi all’ombra di un albero.

Le parti più suggestive del giardino sono il labirinto e la casetta dei giochi che Giuseppe fece costruire per le figlie Uberta e Nane.

Visitare questo parco ti fa sentire come trasportato in un’altra dimensione, infatti mi aspettavo di scorgere qualche dama che passeggiava per i viali. Forse ho letto troppi libri?

castello di grazzano visconti          il parco

castello di grazzano visconti

Il fantasma di Grazzano Visconti

Oltre a tutti i membri della famiglia Visconti che si sono succedute nel Castello di Grazzano, con loro ha convissuto anche un fantasma molto singolare e il suo nome è Aloisa.

Ti capiterà di vedere qualche statua di questo personaggio mentre passeggi per il borgo, ma chi era Aloisa?

Aloisa si è descritta come una ragazza piccola e in carne quando, durante una seduta spiritica, prese la mano del medium e gli raccontò la sua storia.

Aloisa era la sposa di un capitano di milizia, ma morì di gelosia dopo aver saputo che il marito l’aveva tradita.

La storia che viene tramandata dice che il suo fantasma, aggirandosi nel castello di notte, si comporti male con gli ospiti a meno che loro non portino qualche dono alla sua statua situata in una delle stanze.

Aloisa è perciò diventata protettrice degli innamorati non ricambiati. Infatti i visitatori che sono alla ricerca dell’amore, portano a una delle sue statue fiori e piccoli omaggi.

fantasma di aloisa

Gli eventi nel Castello di Grazzano Visconti

A parte gli eventi che vengono organizzati nel borgo di Grazzano, il parco del Castello propone attività didattiche per le scuole primarie e secondarie come:

  • Cavalieri: il tesoro vi aspetta dove i ragazzi, divisi in casate, dovranno trovare il tesoro nascosto nel parco del castello;
  • Gare di orienteering;
  • A caccia di tracce per riconoscere le impronte degli animali;
  • Il giardino incantato di Aloisa in cui il parco verrà popolato da personaggi strani e si dovrà salvare la protettrice del borgo.
 

Ulteriori attività didattiche organizzate nel parco, sono riportate a questo link.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su email